Da Chiusa di Pesio a Milano in bicicletta

Bicicletta. Settembre 2013. In giornata, lunghissima escursione ciclistica da Chiusa di Pesio a Milano, visitando le colline di Langa e del Monferrato, la Lomellina  e i Navigli, con passaggi negli eleganti centri storici delle principali città. Km 225 complessivi. 

Chiusa di Pesio / Milano, in bicicletta in giornata (km 228). Verrebbe da dire, poco elegantemente, “farsi il culo”, ed in effetti è proprio così: a risentirne, più che le gambe, sono le chiappe. La sensazione principale è un grande dolore al “portacoda”. La strada è lunga e molti tratti sono senza storia, c’è solo da pedalare. Da Chiusa di Pesio a Bene Vagienna, quindi un po’ di Langa con gli eleganti vigneti di Barolo. Ad Alba ho un attacco di fame anticipato e divoro l’unico panino. Più avanti gli attacchi saranno soprattutto di sete, ma per quello ci sono i bar. La strada per Asti è noiosa. Dopo uno sguardo alle torri medioevali proseguo per Moncalvo: sarà il tratto più trafficato a causa di un mercatino di antiquariato. Il paesaggio in questo angolo di Monferrato non è un gran chè. Arrivo in una Casale assolata e semideserta.  Poco dopo, nelle pianure della Lomellina, l’aria è pesante e un po’ salmastra. C’è un gran silenzio: il verde dorato del riso maturo si estende a perdita d’occhio, tra rogge e canali. Raggiungo Mortara, poi a Vigevano: è d’obbligo una sosta nella splendida Piazza Ducale, ma il ritmo delle arcate rinascimentali è un invito a proseguire. Trovo traffico verso Abbiategrasso, poi mi inserisco nella frequentata ciclabile del Naviglio Grande, che mi conduce a Milano con scorci caratteristici tra le "case di ringhiera". Vado in crisi più volte, non riesco a stare seduto in sella per il dolore, e i crampi sono in agguato. In città, le strade principali presentano un lastricato scomodissimo per la bici. Il Duomo, in mezzo ad una foresta di edifici color magenta, appare come una improbabile visione lattescente. Devo proseguire ancora fino alla Stazione Centrale per il treno del ritorno, non ho più molto tempo.

© 2010 Tutti i diritti riservati.

Crea un sito gratisWebnode